disegno architettonico a mano

Disegno architettonico di stile e arredo

La rappresentazione architettonica, ha lo scopo di rappresentare in forma grafica e sintetica opere di tipo edilizio e non solo. Con questa tecnica si possono graficare molte opere, sia già in essere che in fase di progettazione. Ad oggi questo tipo di rappresentazione passa attraverso software specializzati.

Tecniche di rappresentazione architettonica

Per la rappresentazione architettonica si usano tecniche specifiche come le proiezioni, lo schizzo ed i modelli in tre dimensioni:

Le proiezioni ortogonali

Le proiezioni ortogonali sono una tecnica di rappresentazione piuttosto antica inventata da Gaspard Monge inizialmente applicata in campo militare. Consentono di rappresentare l’entità dall’alto ossia in pianta, frontalmente ossia di prospetto e lateralmente ossia di profilo.

Lo schizzo

Lo schizzo è considerato il tipo artistico perché spesso è fatto a mano ed in questo, serve a rappresentare porzioni di costruzioni già costruite o più spesso ancora neanche create, sono la massima espressione artistica per un architetto, con questi, può dare sfogo liberamente al suo estro.

I modelli tridimensionali

I modelli tridimensionali, hanno sostituito i vecchi plastici, in particolare grazie alla nascita delle stampanti 3d e di software per il rendering, grazie a questi possibile effettuare automaticamente le proiezioni al computer.

Le principali rappresentazioni architettoniche

Le rappresentazioni architettoniche sono di tantissime tipologie e variano a seconda delle esigenze. Le più importanti ed utilizzate sono planimetria, pianta, sezione e cambiano a seconda dello scopo e del tipo di progetto.

La planimetria

La planimetria, ha lo scopo di rappresentare su un piano lo spazio o una qualsiasi superficie, è utile a rappresentare in particolare gruppi di fabbricati ed agglomerati urbani.

La pianta

La pianta rappresenta in scala una certa sezione dell’edificio o qualsiasi altra cosa si voglia rappresentare, diversamente dalla planimetria rappresenta le cose con una scala più grande e quindi con maggiore dettaglio, è possibile raffigurare corpi singoli ed anche solo porzioni degli stessi. Per il suo elevato dettaglio e la scala variabile, è particolarmente utile nella fase di progettazione.

Lo spaccato

Lo spaccato è una sezione verticale, la particolarità dello spaccato è che se realizzato con le tecniche opportune ad esempio chiaroscuri e trasparenze permette di vedere l’interno dell’oggetto.

L'alzato

L'alzato è un tipo di graficizzazione che rappresenta l’oggetto verticalmente, così come la pianta è ottenuto dalla proiezione ortogonale, ma sulla verticale.

L’assonometria

L’assonometria attraverso questa tecnica proiettiva è possibile rappresentare sul piano le tre le dimensioni dell’oggetto, secondo una retta con orientazione a scelta detta retta di proiezione.

La sezione

La sezione è l’operazione da cui derivano altre forme di rappresentazione come l’alzato, di fatti questa consiste nell’immaginare l’edificio privo di una sua parte.

La prospettiva

La prospettiva questa partendo da un punto fisso consente di rappresentare attraverso la combinazione di diverse tecniche di proiezione, lo stesso oggetto orientato e distanziato secondo specifici criteri.

Strumenti per il disegno tecnico

Per diventare architetto bisogna imparare ad usare gli strumenti fondamentali per svolgere questa attività, tra questi vi sono:
    • La matita, per il disegno tecnico si usano le dure quindi le "H" e per fare sfumature e cose più artistiche le morbide "B".
    • Riga, consente di tracciare linee dritte senza non c’è disegno tecnico.
    • Squadre, vanno in coppia, una da 45° e una da 60° e aiutano a disegnare nel modo più opportuno.
    • Normografo è una specie di stencil rigido, con tutte le lettere dell’alfabeto da ricalcare con un graphos.
    • Tecnigrafo è una specie di righello, ma montato su un goniometro per disegnare rette conoscendo gli angoli.
    • Compasso, serve a tracciare delle circonferenze ed archi perfetti.

Software tecnici

Esistono numerosi software per la progettazione, sia in due che in tre dimensioni, i più importanti sono i prodotti Autodesk tra questi:
    • ArchiCAD partendo da un modello tridimensionale, lo restituisce in due dimensioni, in fase progettuale è possibile scegliere i materiali con aggiornamenti real time.
    • AutoCAD il più famoso e completo software di disegno tecnico sia in tre che in due d.
    • Cinema 4D un software pratico e veloce per l’animazione o rendering.
    • Rhinoceros anche questo è un software ottimo e performante per il rendering.
    • Maya è anche questo un software per l’animazione, è molto conosciuto perché gli strumenti che fornisce sono di ottima qualità.
    • Revit è un software che combinato con altri programmi della stessa famiglia consente la realizzazione di un BIM.
    • 3D Studio Max anche questo è un software per il rendering, consente di creare ambienti molto realistici

Campi di applicazione del disegno architettonico

Il disegno architettonico, ha molteplici campi di applicazione, basti pensare che non solo serve a fare progetti di tipo urbanistico, si applica anche per l’interior design, l’ingegneria, e tutti quei campi in cui i progetti necessitano di una forte componente tecnico-artistica.

Professione architetto: come iniziare dopo la laurea?

Non è semplice affacciarsi al mondo del lavoro dopo la laurea, ma le strade da intraprendere sono tante, di sicuro è utile fare pratica presso uno studio per poi intraprendere la strada della libera professione, frequentare un master. Inoltre è possibile iniziare a realizzare progetti e disegni e mostrarli ad architetti specializzati o anche venderli su marketplace come keyqo.com. Vai al nostro Marketplace Architettonico
  • Percorso di studi per diventare architetto

    In un contesto socio economico in continua evoluzione come quello nel quale ci muoviamo, anche le competenze professionali subiscono un cambiamento continuo in relazione alle mutate esigenze che la società evidenzia. Per questa ragione la maggior parte delle professioni più tradizionali come gli operatori nel settore del credito, ad esempio, rilevano peculiarità un tempo sconosciute e neppure immaginate. Anche la figura professionale dell'architetto non fa eccezione; un tempo relegato ad operare quasi esclusivamente nel mondo dell'edilizia, oggi, l'architetto mette le sue competenze al servizio della grafica, della progettazione industriale su larga scala e si è ritagliato un ruolo di primo...

    Continua a leggere ...

  • Professione architetto: come iniziare a lavorare dopo la laurea?

    Dopo aver conseguito gli studi di architettura uno dei pochi, se non l'unico, sbocco che avrete sarà diventare architetto, ma come realizzare questo vostro sogno per la quale avete studiato tutta la vita fin ad ora? Bene se lo volete sapere ora ve lo spiegheremo:   Requisiti   Saper usare ampiamente i maggiori software e strumenti in ambito 2D/3D, Photoshop, Autocad e molti altri ancora.   Come iniziare a lavorare?   Innanzitutto dovrete avere molta pazienza nel cercare il posto ideale e all'inizio dovrete ricevere molti rifiuti e fare gavetta, con guadagni minimi per arrivare ad alti livelli, poi dovrete...

    Continua a leggere ...

2 oggetto(i)